Vai alla Home...



QUANDO NON TE LO ASPETTI


Busca (CN) – Proprio così…quando meno ti puoi aspettare qualcosa ecco che…ti può arrivare, nel bene o nel male! A Busca mi son presentato in condizioni a dire il poco precarie dopo dieci giorni di mal di stomaco terribile a causa di una gastrite intestinale. Ben 5 chili persi, fitte continue e impossibilità di mangiare cibi che non siano stati riso, patate lesse e pollo bollito! Anche nei giorni stessi della gara non ho potuto cambiare regime alimentare e mi sentivo piuttosto stanco, debilitato e senza forze. Nelle prove non riuscivo a tirare per più di tre giri perché mi si annebbiava la vista ma…qualcosa è finalmente cambiato dalle precedenti gare! Seppur non molto in forma mi sentivo comunque bene con la moto e in sintonia con l’impegnativo circuito piemontese. Già dai primi turni di prove libere ero costantemente nelle prime 3-4 posizioni e, al momento delle qualifiche, ecco che non potevo prevedere quello che stava per succedere….si, per la prima volta stagionale mi sono imbattuto in un problemino tecnico (seppur veramente banale) che mi ha rallentato tantissimo, relegandomi in diciassettesima posizione. Alla sera eravamo tutti un po’ abbattuti perché, diciamocelo pure, “per una volta” che siamo lì davanti e davvero competitivi, doveva subito accadere qualcosa! Dopo lo sconforto iniziale, l’ambiente sempre scherzoso e rivitalizzante che offre il mio team ha placato le ire, permettendo alla “testa” di cancellare l’accaduto e settarsi in previsione della gara andando a braccetto con il motto “Non mollare fin sotto la bandiera a scacchi!”.
Alla domenica è successa (stavolta in positivo) un’altra cosa che mai ti aspetteresti quando ti trovi in simili condizioni fisiche e in una posizione così arretrata sulla griglia di partenza (soltanto quinta fila)…scatta gara 1 e una buona partenza mi consente subito di inserirmi nei primi dieci, poi qualche sorpasso ed infine una strategia che ha pagato: siccome non mi sentivo le forze necessarie per tirare dall’inizio alla fine (causa il virus intestinale) mi son messo a guidare tranquillo fino a metà, per poi tirare fuori qualcosa in più nel finale di gara. In questo modo sono riuscito a passare al 5° posto a due giri dal termine con, nel mirino, la Honda del velocissimo Winstanley. Ho tirato, ci ho creduto per tutto l’ultimo giro e a poche curve dall’arrivo, all’uscita dello sterrato, ho incrociato le linee con l’inglese. L’intento era quello di effettuare un block-pass (dato che Mattew era andato in sponda e io interno) ma Winstanley non ha voluto mollare per provare a schivarmi, io sono arrivato un po’ troppo forte ed ecco che ci siamo scontrati in pieno, con un botto mica da ridere. Io sono rimasto in piedi (Matt no, e mi dispiace per la sua gara) ed ho conquistato così un insperato quarto posto che, visto tutto, mi ha particolarmente emozionato. Purtroppo però, nello scontro, ho subito una tremenda botta che mi ha costretto ad abbandonare la moto e a farmi soccorrere dai sanitari. Gara due è stata in dubbio fino all’ultimo secondo quando mi son detto “ci provo, al massimo mi fermo”. La partenza è stata guardinga (non volevo contatti) e il dolore nel tratto sterrato non mi mollava un attimo. Questo mi ha fatto così tirare come una bestia perché, paradossalmente, più tiravo e mi impegnavo al massimo e più mi concentravo meno sul male. Ho rimontato fino al decimo posto con tempi sul giro vicini ai primi della classe e se avessi avuto a disposizione ancora qualche giro sarei risalito ulteriormente.
Che dire? Forse, con un sabato meno sfortunato (gran botta a parte) sarebbe potuta essere la “mia” giornata…insomma, dopo tutto quello che è successo, chi se lo aspettava?




Gaspa #14



GARA 1: 1- Chareyre T.; 2- Lazzarini; 3- Van Den Bosch; 4- Gaspardone; 5- Sammartin;

GARA2: 1- Lazzarini; 2- Van Den Bosch; 3- Nastran; 4- Chareyre A.; 5- Beltrami;…10- Gaspardone


CLASSIFICA INTERNAZIONALI D’ITALIA

1- Chareyre T. 176pt
2- Lazzarini 147pt
3- Chareyre A. 135pt
4- Beltrami 102pt
5- Winstanley 100pt

10- Gaspardone 79pt

CLASSIFICA CAMPIONATO ITALIANO

1- Lazzarini 147pt
2- Beltrami 102pt
3- Ravaglia 85pt
4- Monticelli 83pt
5- Bartolini 83pt
6- Gaspardone 79pt







Copyright 2011 PaoloGaspardone.it - Tutti i diritti riservati