Vai alla Home...



ALL ASPHALT!


Pleven (Bulgaria) – Magnifica! Semplicemente stupenda la definirei la pista bulgara che ha ospitato la quarta prova del campionato del mondo. Io la ritengo la mia pista preferita, quella che nel girare mi diverte di più in assoluto, un vero peccato non averla vicino a casa. Quelle paraboliche in asfalto, i salti, gli avvallamenti o le whoops asfaltate sono un vero sballo e una buona alternativa per la supermoto che ogni tanto a bisogno di qualcosa di “diverso”. Purtroppo ne ho combinata una più del diavolo e ho fatto dei gran pasticci per tutto il weekend. Già nelle qualifiche non sono partito con il piede giusto: avevo montato la gomma nuova tenendo di scorta quella usata nei due turni da trenta minuti che procedono la sessione Timpe Practice. Purtroppo un’immediata foratura mi ha costretto a fare tutta la sessione ufficiale con la gomma usata che non mi ha regalato quei decimi necessari per un buon piazzamento: sono stato infatti solo tredicesimo ma a solo mezzo secondo dal sesto posto. Sono convinto che con la copertura nuova sarebbe stato un traguardo decisamente raggiungibile. Come si sa, se nel motard parti dietro, recuperare è difficile e così è stato tutto in salita. Finalmente in Gara 1 ho potuto usare la gomma nuova e sono andato abbastanza bene riuscendo ad entrare nei dieci. Purtroppo, però, la gara è stata interrota un giro prima (a causa della caduta di Ravaglia), momento in cui mi trovavo ancora undicesimo. Poi, in gara 2 ho fatto un gran casino. Avevo fatto un’ottima rimonta fino all’ottavo posto quando all’ultima curva dell’ultimo giro mi sono scontrato con Giò Bussei nel tentativo di passarlo; non ho calcolato bene le misure e ho avuto la peggio io cadendo rovinosamente e rialzandomi solo quindicesimo. Una vera disfatta, calcolando che avrei potuto sfruttare la buona posizione per partir dalla seconda fila e invece sono stato costretto alla quarta. Un vero peccato. Nell’ultima manche ho dato il meglio ma sono giunto nuovamente undicesimo concludendo male un weekend che sarebbe potuto essere positivo dato che i tempi sul giro erano buoni.
Ma queste son le gare e non ci puoi far nulla solo che, nelle stagioni come questa dove le cose non girano per il verso giusto, i buoni risultati sarebbero delle iniezioni di fiducia che ti darebbero quella carica in più che ne avresti bisogno per non arrenderti mai e per non perdere le motivazioni.
L’assoluta la portata casa un Hermunen velocissimo che ha così vinto il suo primo GP in carriera. A questo punto manca solo più il gran finale di Salou, in Spagna, per decidere chi sarà il campione 2010. Preparatevi ad uno spettacolo unico dato che Gozzini e Chareyre si trovano perfettamente appaiati in testa alla classifica. Sarà una gran lotta di nervi e di testa più che di polso. Sono curioso di vedere….


Paolo Gaspardone


GARA 1: 1- Gozzini.; 2- Chareyre T.; 3- Hermunen; 4- Van Den Bosch; 5- Ravaglia;…11- Gaspardone

GARA2: 1- Hermunen; 2- Chareyre T.; 3- Chareyre A.; 4- Gozzini; 5- Van Den Bosch;…15- Gaspardone;

GARA 3: 1- Hermunen; 2- Chareyre T.; 3- Chareyre A.; 4- Gozzini; 5- Ravaglia;...11- Gaspardone


CLASSIFICA CAMPIONATO MONDIALE

1- Chareyre T. 251pt
2- Gozzini 251pt
3- Van Den Bosch 216pt
4- Hermunen 209pt
5- Lazzarini 184pt

12- Gaspardone 91pt






Copyright 2010 PaoloGaspardone.it - Tutti i diritti riservati