Vai alla Home...



LATINA IN DIFFICOLTA’


Latina (LT) – Dopo la lunga trasferta in Sicilia della scorsa settimana abbiamo deciso di non tornare a casa e così, io e il mio meccanico di fiducia Renato, siamo saliti direttamente nel Lazio per affrontare la penultima prova degli Internazionali d’Italia. Una volta giunti al circuito del Sagittario eravamo pieni di lavoro da fare; dal ripulire le moto ai cambi olio, filtro, gomme e quant’altro. Il furgone era pieno zeppo e siamo stati più impegnati nelle pulizie che nel girare in pista!
Come tutti gli anni la pista di Latina si rivela per me un vero incubo e nonostante ci abbia già corso con ogni tipo di moto e ogni marca di pneumatico non sono mai riuscito ad essere veloce; per me laggiù la mancanza di grip è una cosa con cui mi sono sempre scontrato ma quest’anno, con le Goldentyre, la situazione si è aggravata ulteriormente. Come se fosse stato bagnato per me, non c’era verso di andare e sull’asfalto mi beccavo veramente una vita. L’unica nota che mi consolava era la presenza di altri big in fondo alla classifica come me. Ad esempio Occhini, la settimana prima saliva sul podio mondiale e dopo qualche giorno remava come me intorno alla ventesima posizione addirittura! Nelle qualifiche ho toccato il fondo, cogliendo addirittura la quinta fila: una delle peggiori performance della mia carriera.
Nella prima manche della domenica la situazione non è di molto cambiata e giungo solamente sedicesimo con problemi di aderenza enormi tanto che nel finale di manche ero quasi indirizzato a ritirarmi dato che non riuscivo assolutamente a guidare.
Alcune modifiche per gara due mi hanno invece portato a qualche miglioramento, come ad esempio la sostituzione del cerchio posteriore: dal 5,5” sono passato al canale più stretto da 5” e sono sensibilmente migliorato. Non come prestazione in se ma come durata: la gomma lavora più costante e il grip rimaneva abbastanza stabile anche da metà corsa in poi, situazione dove poco prima ero in seria crisi. A fine manche ero nei primi dieci, con la decima posizione conquistata e con il settimo posto ad un soffio. Infatti io, Hiemer, Sammartin e Bicio Bartolini abbiamo fatto una gran lotta per quella posizione, finita poi nelle mani del tedesco che era alla guida di un KTM davvero formidabile, un missile!. Siamo arrivati in un fazzoletto e questo mi ha tirato un po’ su il morale dato che sono stato più vicino o per lo meno in posizioni degne di una buona andatura.
Ora ci attende solo più la gara di Ottobiano dove tenterò di entrare nella top ten dopo una partenza veramente disastrosa e diversi zeri lasciati lungo il cammino.


Paolo Gaspardone


GARA 1: 1- Chareyre T.; 2- Van Den Bosch; 3- Gozzini.; 4- Lazzarini; 5- Ravaglia…16- Gaspardone

GARA2: 1- Van Den Bosch; 2- Chareyre T.; 3- Gozzini; 4- Chareyre A.; 5-Lazzarini;…10- Gaspardone



CLASSIFICA INTERNAZIONALI D’ITALIA

1- Chareyre T. 209pt
2- Gozzini 193pt
3- Lazzarini 188pt
4- Van Den Bosch 185pt
5- Hiemer 145pt

13- Gaspardone 62pt
CLASSIFICA CAMPIONATO ITALIANO

1- Lazzarini 232pt
2- Gozzini 229pt
3- Ravaglia 160pt
4- Sammartin 145pt
5- Bartolini 136pt

10- Gaspardone 92pt






Copyright 2010 PaoloGaspardone.it - Tutti i diritti riservati