Vai alla Home...



L’ULTIMA FATICA


E con questa si conclude la lunghissima stagione 2009. Lunga in tutti i sensi. Uno su tutti, il calvario che ho dovuto subire cambiando tre team, tre moto e dovendomi sempre riorganizzare da zero; seconda cosa siamo a metà novembre e questo significa quasi 9 mesi di gare!!!
In questa prova di Salou (ad un centinaio di chilometri da Bracellona) abbiamo trovato un gran bel clima con 25 gradi e un numeroso pubblico che è accorso in questa splendida città di mare. Purtroppo, il tracciato ha lasciato un po’ a desiderare in quanto molto stretto e tortuoso, situato all’interno del parcheggio nell’area di un grosso parco di divertimenti chiamato Port Aventura. Addirittura, al venerdì pomeriggio, il parco è stato aperto in esclusiva per noi piloti e abbiamo testato una giostra che faceva impressione: da zero a 135 Km/h in soli tre secondi! Qualcosa di incredibile, una spinta così forte non te la regala nemmeno una Formula 1!
Svaghi a parte, in quest’ultimo round non mi sono sentito in forma come nelle ultime gare dove ero sempre riuscito ad andare a podio e ho odiato la pista fin dal primo turno di prove libere, non riuscendo a trovare il bandolo della matassa. Zero grip, chattering in certe curve di percorrenza e niente da fare….le prove del sabato si sono concluse con una triste 17° posizione. Per la domenica ho effettuato diverse modifiche alla moto che hanno migliorato sensibilmente la situazione. In gara 1 sono partito forte, ho recuperato fino all’ottavo posto (quarto di classe S2) ma un contatto con altri piloti nel tratto sterrato mi ha retrocesso di alcune posizioni, fino a concludere decimo e sesto di categoria. Non male per come si erano messe le cose e anche i tempi sul giro si sono rivelati interessanti. In gara 2 bruttissima partenza e metà gara a battagliare con quel matto (nel senso buono) di Bussei; con quel ginocchio fuori abbatteva letteralmente tutti i birilli che delimitavano la pista e per me era un vero casino dato che ricevevo quei durissimi coni rossi su casco e manubrio! Non scherzo mica, sembrava di essere in uno di quei video giochi di corse clandestine dove i motociclisti, per eliminarsi, si tirano addosso di tutto! Alla fine sono riuscito a passarlo anche se siamo finiti fuori pista entrambi…Dopo tutta questa bagarre ho perso il contatto dal numeroso trenino davanti a me e mi sono accontentato del tredicesimo che voleva dire di nuovo sesto di classe S2. Alla bandiera a scacchi mi son sentito liberato, finalmente la stagione offrirà un po’ di riposo e l’obbiettivo è stato raggiunto: quarto posto finale nel campionato del mondo con una moto veramente super-privata. Un grazie a Max Gazzarata che me l’ha imprestata, a mio padre che mi ha assistito in tutto salvandomi da situazioni davvero difficili e al mio meccanico Lami che da anni ormai mi aiuta nei momenti di bisogno. Infine, complimenti ai campioni del mondo VDB e Chareyre e al mio amico Bicio Bartolini. Il mercoledì mi ha portato le moto a casa mia e le abbiamo caricate sul mio furgone per dividere così viaggio e spese: era talmente pieno di roba che non ci stava neanche più uno stivale!!! Ma Bicio è stato grande e con un terzo ed un quarto posto di manche è salito sul suo primo podio iridato della carriera.


Paolo Gaspardone





GARA 1: 1- Gozzini; 2- Delepine; 3- Bartolini; 4- Burkhart; 5- Occhini; 6- Gaspardone; 7- Chareyre;

GARA 2: 1- Delepine; 2- Chareyre; 3- Burkhart; 4- Bartolini; 5- Occhini; 6- Gaspardone; 7- Borella;


CLASSIFICA CAMPIONATO MONDIALE S2

1- Chareyre 298pt
2- Delepine 263pt
3- Gozzini 248pt
4- Gaspardone 203pt
5- Borella 188pt
6- Bartolini 165
7- Occhini 136
8- Deridder 129
9- Hlad 112
10- Mariani 99







Copyright 2008 PaoloGaspardone.it - Tutti i diritti riservati