Vai alla Home...


--> Torna alle News <--

Spagna da dimenticare

Tutti quanti ci aspettavamo molto dalla trasferta spagnola: sole, caldo, gente, un circuito ben fatto e studiato per portare la supermoto davanti al pubblico iberico che adora il motociclismo.
Invece, solo il sole ha rispettato le aspettative: un caldo tremendo ci ha assalito per tutta la domenica mettendoci davvero a dura prova. Per quanto mi riguarda, torno a casa dalla trasferta spagnola con un misero bottino di punti e tanta amarezza. Nelle prove non avevo un buon feeling con la pista e un problema tecnico non mi ha permesso di andare oltre all’undicesimo tempo che, in ottica gara, non è stato certo esaltante data la quasi impossibilità di superare all’interno del tracciato.
In gara1 la mia situazione migliora, risalgo in nona posizione ma una banale scivolata a tre giri dal termine mi costa due posizioni. Qualche modifica nell’intervallo ed eccoci al via della seconda manche; purtroppo il semaforo ci gioca un brutto scherzo: la luce rossa resta accesa troppo tempo, le frizioni iniziano a trascinare e i nervi saltano! Almeno metà schieramento scatta in anticipo, partenza convulsa, a metà rettilineo non si capisce più nulla e io mi ritrovo penultimo. Dopo cinque giri sono già nella top ten, mi appresto ad attaccare il gruppetto davanti a me ma all’uscita di una curva la mia Husaberg si ammutolisce: ennesimo ritiro e tanta rabbia per aver perso di nuovo tanti punti in vista della classifica, che non mi sorride…che sfiga!
A parte un applauso ad uno stratosferico Lazzarini nella classe S1, non rimane molto da dire se non da annotare un pubblico quasi assente, atmosfera non delle migliori e un circuito decisamente non da mondiale: traiettoria unica obbligata, balle di paglia che venivano continuamente e pericolosamente urtate dalle moto e new jersey che passeggiavano per la pista quando si alzava il vento costringendo a rimandare le qualifiche del sabato alla domenica mattina…Da rivedere!
La classifica piange e il mio mondiale è tutto in salita ma non mollo di sicuro! Prima o poi la ruota inizierà a girare!


Paolo Gaspardone


CLASSIFICA CAMPIONATO MONDIALE
- 1° Adrien Chareyre 140pt
- 2° Davide Gozzini 127pt
- 3° Attilio Pignotti 103pt
- 11° Paolo Gaspardone 54pt



--> Torna alla Home <--




Copyright 2008 PaoloGaspardone.it - Tutti i diritti riservati